Reportistica

    1. Annual Report 2016

      1. 2014 Annual Sustainability Report Versione PDF (4,84 MB)
         


        Presentazione bilancio integrato 2016

        Il bilancio integrato Pirelli 2016 (Annual Report 2016) ha lo scopo di fornire una visione completa del processo di creazione di valore per gli Stakeholder dell’Azienda, come derivante dalla gestione integrata dei capitali finanziario, produttivo, intellettuale, umano, naturale, sociale e relazionale. La rendicontazione rispecchia il modello di business adottato da Pirelli, che si ispira al Global ­­­Compact delle Nazioni Unite, ai principi di Stakeholder Engagement dettati dalla AA1000, e alle Linee Guida ISO 26000.
        Il capitale finanziario, costituito dalle disponibilità finanziarie della società, alimenta la gestione sostenibile degli altri capitali ed è, a sua volta, influenzato dal valore creato da questi ultimi. Nel 2016 la gestione del business ha prodotto un EBIT adjusted (ante oneri non ricorrenti e di ristrutturazione e ante ammortamenti delle immobilizzazioni immateriali relativi ad asset rilevati in seguito a Business Combination) pari a 896,6 milioni di euro (14,8% l’Ebit Margin), in crescita del 4,2% rispetto all’esercizio precedente a parità di perimetro.
        A sua volta il capitale produttivo dell’Azienda, che include 19 fabbriche tyre in quattro continenti, è gestito in ottica di riduzione degli impatti ambientali, con obiettivi al 2020 in termini di aumento del recupero di rifiuti e riduzione degli indici specifici di consumo energetico, emissioni, prelievo di acqua. A riguardo, gli sforzi dell’azienda nel 2016 hanno consentito una diminuzione del prelievo idrico e delle emissioni specifiche di CO2, anche grazie al proseguimento degli investimenti in energia rinnovabile, con una sostanziale stabilità dei consumi specifici di energia e del recupero di rifiuti, pari al 92%.
        Tutto ciò ha concorso al raggiungimento di efficienze sui costi pari complessivamente a 90,5 milioni di euro. Le attività di ricerca e sviluppo, da sempre cuore della strategia Pirelli, contribuiscono in modo sostanziale al miglioramento dell’efficienza ambientale lungo l’intero ciclo di vita del prodotto, dalle materie prime innovative al processo, la distribuzione, l’utilizzo fino al fine vita dello pneumatico. Nel 2016 Pirelli ha investito 228,1 milioni di euro in ricerca e sviluppo, ovvero il 5,9% dei ricavi premium e il 3,8% dei ricavi totali. A loro volta i prodotti Green Performance di Pirelli, che coniugano performance e rispetto per l’ambiente, a fine 2016 rappresentano il 63%1 del fatturato totale tyre (56% nel 2015 e 54% nel 2014). Il forte investimento in innovazione alimenta inoltre il capitale intellettuale di Pirelli, che comprende un portafoglio complessivo di circa 5.000 brevetti riguardanti innovazioni di prodotto, processo e materiali, oltre ad un brand riconosciuto a livello globale.
        L’evoluzione dei capitali citati è strettamente correlata al capitale umano, cuore della crescita dell’Azienda. Merito, regole, etica e condivisione di valori forti e politiche chiare, attenzione al welfare e alle diversità si accompagnano a strumenti avanzati per attrarre e ritenere i migliori talenti. Primario è l’investimento in “cultura della salute e sicurezza sul lavoro” e in formazione, con un indice di frequenza degli infortuni che nel 2016 è sceso del 15% rispetto al 2015 e un investimento in formazione che ha raggiunto 9,8 giornate medie per dipendente, in ulteriore crescita rispetto alle 8,6 dell’anno precedente, così superando per il quarto anno consecutivo il target di 7 giornate medie pro-capite previste dal Piano d’Azienda solo a partire dal 2015.
        I capitali sociale e relazionale di Pirelli poggiano su un dialogo continuo e trasparente che l’Azienda intrattiene con i propri Stakeholder. A febbraio 2016 Pirelli ha tenuto un Global Stakeholder
        Dialogue a Brussels, cui hanno partecipato Stakeholder internazionali dell’azienda tra cui Fornitori, Clienti, esponenti del mondo economico e finanziario, accademico, istituzionale e non governativo. Obiettivi del Dialogue sono stati l’aggiornamento degli Stakeholder circa lo stato di avanzamento dei Target di Sostenibilità al 2020, il confronto e la raccolta delle aspettative sull’evoluzione della mappatura di materialità di Pirelli, oltre a un focus su mobilità futura, impatti ambientali lungo il ciclo di vita del prodotto e gestione sostenibile della catena di fornitura. Analogamente, nel 2016 Local Stakeholder Dialogue si sono tenuti in Messico, Turchia, Germania e Romania.
        In termini metodologici, nella redazione dell’Annual Report 2016 sono stati considerati i principi di Integrated Reporting contenuti nel Framework dell’International Integrated Reporting Council (IIRC), il Bilancio di esercizio e Bilancio consolidato sono stati redatti sulla base dei principi contabili internazionali IFRS, le performance socio-ambientali rispondono alle Sustainability Reporting Guidelines di Global Reporting Initiative (versione GRI-G4 - opzione Comprehensive).


        1Dato ottenuto pesando il valore delle vendite degli pneumatici Green Performance sul totale del valore delle vendite di pneumatici del Gruppo. I prodotti Green Performance identificano gli pneumatici che Pirelli produce in tutto il mondo e che rientrano nelle classi A, B, C di resistenza al rotolamento e tenuta sul bagnato secondo i parametri di etichettatura previsti dalla normativa Europea. Nel 2016 sono stati acquisiti nuovi dati a sistema che hanno reso necessario un restatement sugli anni precedenti.

    1. Annual Report 2015

      1. 2014 Annual Sustainability Report Versione PDF (4,47 MB)
         

    1. Annual Report 2014

      1. 2014 Annual Sustainability Report Versione PDF (10.5 MB)
         
         Digital Version


Ultima revisione: 18 Apr 2017